Lindos, cittadina tipica greca dal colore bianco che dal promontorio arriva al mare, è dominata dalla sua acropoli che si trova in cima ad un colle.
IMG_9691
Durante il mio soggiorno estivo nell’isola di Rodi, dalla terrazza del mio appartamento ammiravo ogni mattina ed ogni sera questo scenario fantastico. Durante il giorno si riusciva a vedere anche il via e vai di persone lungo il percorso per salire, mentre di sera quando l’acropoli  era illuminata e si stagliava contro il  cielo scuro era un incanto e non si poteva non restare a guardarla affascinati, magari sorseggiando un buon ouzo (tipico liquore all’anice).
RODI-596
Per accedere all’acropoli si sale da una stradina direttamente dal paese, ovviamente in salita e con dei lunghi tratti sotto il sole, quindi per chi ha dei bambini può diventare un po’ pesante. Il metodo alternativo che vi suggerisco è quello di prendere un asinello direttamente dal luogo di ritrovo all’inizio di Lindos.
Qui ogni giorno, fino alle 17.00, ci saranno diversi uomini con i loro asini pronti a portarvi su e giù senza fare fatica e facendo divertire i bambini con questa esperienza.
RODI-598RODI-612
Di solito vanno su a coppie di animali, quindi il costo è per entrambi i muli e si può anche solo fare l’ascesa, come abbiamo fatto noi, perchè la discesa è comunque facile.
Raggiunta l’acropoli potrete ammirare tutto il panorama sottostante, il mare e la costa. Potrete girare tra le rovine di quello che fu il castello che dominava Lindos, ricostruito nel XIV secolo dai Cavalieri di Rodi.
IMG_9669IMG_9608RODI-629RODI-694
La parte più interessante è però il tempio di Atena Lindia, che con il suo colonnato ancora abbastanza intatto ci permette di fare un tuffo nella Grecia classica antica.
Basta salire un enorme scalinata e vi troverete su una spianata in cui sorge questa meraviglia che farà da sfondo alle vostre fotografie e vi regalerà ricordi indelebili.

Un accorgimento per le famiglie con i bambini: attenzione quando sarete giunti al castello perchè ci sono delle aperture senza barriere nelle mura ed anche scalinate a strapiombo, quindi potrebbe essere incauto lasciare i bambini scorrazzare senza prestargli attenzione (soprattutto se sono degli avventurieri come i miei e vanno a curiosare ovunque).

Foto di Alessandro Giroldini