A Bali, in Indonesia, ho trovato paesaggi di una bellezza sconcertante.
Già il solo ammirarli ti mette in pace con il mondo l’atmosfera che si respira ti da benessere, calma, energia.
Chiamata l’ “Isola degli Dei” ha tutti i motivi per meritarsi questo appellativo.

Uno dei paesaggi che si ritrova spesso girando in lungo e in largo è quello caratterizzato dalle risaie. Ormai spopolano da tempo su Instagram, le avrai viste tantissime volte, ed effettivamente sono davvero magnifiche!
queste risaie terrazzate prendono il nome di subak, grazie al sistema di irrigazione, patrimonio dell’Unesco dal 2012, e risalente al IX secolo.

Le risaie più famose ed affascinanti sono senza ombra di dubbio Tegalalang Jatiluwih, rispettivamente a 10 e a 40 km circa da Ubud. Protagoniste eccezionali per essere immortalate, le risaie corrono lungo i fianchi dei pendii, regalando un colore verde dalle molteplici sfumature a tutta la collina.

Un paesaggio unico, che ho avuto la fortuna di attraversare, immergermi in esso, camminare tra i filamenti verdi del riso per arrivare ad un tempio e sentirmi leggera e felice di essere qui.

La vita dei Balinesi ruota attorno a questo chicco così piccolo ma così importante: viene infatti utilizzato come offerta per gli dei, messo sulla testa invoca la protezione degli spiriti, richiama la fertilità. E’ compagno del lavoro dei contadini chini sui campi con la zappa tra le mani, ed è la base di ogni pasto della giornata.

Ci sono delle divinità del riso, chiamate Dewi Sri, esse vengono onorate affinchè proteggano i campi di riso ed il raccolto nei templi Pura Subak, ossia i templi d’acqua come il Pura Ulun Danu Batur.

Vuoi fare anche tu un viaggio unico alla scoperta dei luoghi più affascinanti di Bali?
Un viaggio non è solo una vacanza, è vivere emozioni uniche ed indimenticabili.
Tu prepara le valigie, al resto ci penso io!